Cerca nel blog

domenica 24 settembre 2017

Archetipo: l’idea e l’immagine. La Scultura di Claudio Nardulli


A cura di Barbara Martusciello
Con un’introduzione di Rita Paris - Direttore del Parco Archeologico dell’Appia Antica   
Inaugurazione: sabato 30 settembre  alle ore 16.00  e sino alle 19.15

Si inaugura sabato 30 settembre, alle ore 16.00, negli spazi coperti del sito archeologico di Capo di Bove sulla Via Appia Antica, dove ha anche sede l’Archivio Antonio Cederna, la mostra Archetipo: l’idea e l’immagine. La Scultura di Claudio Nardulli a cura di Barbara Martusciello e introdotta dal Direttore del Parco Archeologico dell’Appia Antica, Rita Paris.

Le sculture sono allestite in questo luogo di grande importanza storico-archeologica discretamente ma con una loro forza e un impatto visivo mirabile; la materia assimila un tempo pressoché infinito per gli esseri viventi, “il tempo geologico” e si dà con minuziosa e raffinata conformazione. Di queste opere si apprezza la perizia manuale, lo studio e la calibrazione del marmo usato e forzato fino al massimo consentito, oltre il quale si spezzerebbe, e l’effetto di leggerezza e dinamicità. Sulla scia della  tradizione plastica della Storia dell’Arte, queste sculture lapidee sono però libere di esplorare il mondo della pura forma: analizzando e riproponendo in maniera finissima e mentale la rarefatta astrazione e la sintesi geometrica, non euclidea, le superfici a guscio, i piani a quadrica, le estensioni paraboloidi iperboliche, gli ellissoidi. Tali marmoree solidità, che alludono alla malleabilità, alla flessuosità e accolgono la luce nei propri incavi e nelle sporgenze animandosi, quasi vibrando come viva sostanza, richiamano certa preesistenza in natura ma anche nell’antico e nell’architettura ponendosi infine come elemento integrale, autentico e originario: archetipico. Vi dimora l’arché, il "principio" di tutto, inizio e dunque modello. Da Filone di Alessandria, Dionigi di Alicarnasso e Luciano di Samosata a Platone sino a Carl Gustav Jung e poi a Jacques Derrida, è lungo l’elenco di chi sviluppò il tema nei suoi diversi segmenti e significati; Nardulli li comprende tutti, perché li conosce, li ha elaborati e ne ha accolta quella frazione a lui fondamentale per definire una lingua tutta sua. La sua scultura deriva da lì, da quella vastità sapienziale ma anche sensualmente fisica, carnale – senza quest’ultima la scultura non emetterebbe nemmeno i primi vagiti! – tradotta in questi vividi monumenti alla forma/pensiero, in un equilibrio compiuto tra spazio e tempo dimostrando e sottolineando l’archiscrittura e, insomma, i metaconcetti: intensamente connettivi, come potenzialmente è la stessa Arte che questa mostra celebra.

Info mostra
Inaugurazione: sabato 30 settembre, ore 16.00 – 19.30
(ingresso consentito sino alle 19.15)

Archetipo: l’idea e l’immagine. La Scultura di Claudio Nardulli - A cura di Barbara Martusciello; con un’introduzione di Rita Paris, Direttore del Parco Archeologico dell’Appia Antica 

Sito archeologico Capo di Bove, Parco Archeologico dell’Appia Antica - Via Appia Antica 222, Roma

Dal 30 settembre al 28 ottobre 2017; dal lunedì alla domenica 9.00 – 18.30, orario continuato. Ingresso gratuito. Accessibilità totale. Contatti: pa-appia.archiviocederna@beniculturali.it
Trasporti: Metro A fermata Colli Albani e proseguire con bus linea 660

Con il Patrocinio:
MiBact-Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo; Parco Archeologico dell’Appia Antica; Casa dell’Architettura di Roma – Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Roma e provincia  


Media Partner: www.architetturadipietra.it - www.materialdesign.it

sabato 16 settembre 2017

Corte Ospitale, Rubiera (RE) | Calzolari, Mastronardi, Tagliati | A cura di Sandro Parmiggiani | 23 settembre - 29 ottobre 2017



RUBIERA (REGGIO EMILIA) – CORTE OSPITALE
23 SETTEMBRE – 29 OTTOBRE 2017

LE STRADE DELLA PITTURA
CARLO CALZOLARI, CARLO MASTRONARDI, CORRADO TAGLIATI
Opere recenti di tre artisti reggiani
che si misurano con gli strumenti e i valori della pittura

Inaugurazione: sabato 23 settembre, ore 18.00


"Le strade della pittura" di Carlo Calzolari, Carlo Mastronardi e Corrado Tagliati dal 23 settembre al 29 ottobre 2017 alla Corte Ospitale di Rubiera (RE).
La mostra, promossa dal Comune di Rubiera, verrà inaugurata sabato 23 settembre alle ore 18.00. Saranno presenti, oltre agli artisti, Emanuele Cavallaro (Sindaco del Comune di Rubiera), Elena Lusvardi (Assessore alla Cultura del Comune di Rubiera) e Sandro Parmiggiani (curatore).
L'esposizione si tiene in un luogo fortemente simbolico – la cinquecentesca Corte Ospitale di Rubiera, per secoli centro di accoglienza e di incontro, e in questa occasione luogo simbolico in cui si incrociano le strade della pittura – e riunisce e mette a confronto tre artisti reggiani, originari di terre diverse: Calzolari è nato a Parma nel 1944, anche se risiede a Reggio Emilia da quarantacinque anni; Mastronardi è nato a Prepotto (Udine) nel 1940 ed è rubierese di adozione, essendosi qui trasferito il padre medico quando lui aveva dieci anni; Tagliati ha solidi, apparentemente irrecidibili, legami con l'Appennino, essendo nato a Castelnovo ne' Monti nel 1940, e avendovi sempre vissuto.
"Le strade della pittura" è una mostra che, pur di dimensioni contenute – una decina di opere per ciascuno degli autori –, assume significati e valori peculiari. Da un lato, essa getta luce su ciò che tenacemente alcuni artisti continuano quotidianamente a fare, nel silenzio e nella solitudine dei loro studi, interrogandosi su quali possano essere oggi i linguaggi della pittura, capaci di non recidere il legame con la tradizione, di confrontarsi con il nuovo e, soprattutto, di essere fedeli testimoni della loro interiorità, delle tensioni che li animano, delle sfide che sentono di dovere raccogliere. Dall'altro lato, questi artisti dimostrano come la provincia possa essere luogo in cui si può sperimentare, lontano da luci e assedi di ogni genere (compresa la sollecitazione a replicare ciò che il mercato accoglie), un percorso di continui affinamenti e verifiche, con esiti che sono parte di ciò che può definirsi contemporaneo.
Calzolari, Mastronardi e Tagliati non formano certo un gruppo, né mai hanno pensato di dare vita a un sodalizio formale che potesse sostenere il loro percorso. Nutrono, da molti anni, sentimenti di amicizia personale, e di rispetto l'uno per il lavoro dell'altro, che già li hanno portati in passato ad esporre assieme, pure con altri amici artisti, quali i compianti Marco Gerra e Bruno Olivi, oltre a Fausto De Nisco.
Sono assai diverse le strade percorse dai tre artisti – anche se quelle di Mastronardi e Tagliati hanno segrete affinità e convergenze –; la frequentazione costante che da anni intrattengono fa sì che siano sempre aggiornati sugli esiti del lavoro di ciascuno, che questa mostra documenta con opere realizzate negli anni recenti.
Carlo Calzolari traccia bave, fiati di segni, graffiti, grumi e grovigli, numeri e lettere dell'alfabeto, parole nelle quali si condensa il retaggio di una presenza e di un pensiero misterioso, che pare sintonizzarsi sulla meraviglia e sull'estrema sensibilità proprie dell'infanzia; tutto viene percepito da chi guarda come ombre distorte da una lastra trasparente di plexiglass, che, investita dalla luce, proietta e origina sulla tavola retrostante brividi e fluttuazioni delle forme, a conferma che la cangiante presenza della luce è fondamentale nella percezione dell'opera, continuamente generando incupimenti, chiarori, trasalimenti dei toni.
Carlo Mastronardi fa ritorno, in queste opere ultime, al paesaggio delle nostre colline e montagne, in un qualche modo riallacciandosi alle esperienze degli esordi, quando trasfigurava il paesaggio emiliano, per poi rivisitare, sempre con un linguaggio informale sensibile al fascino della materia e del colore, i fienili e le vecchie case contadine, abbandonate a un inesorabile declino, i vecchi strumenti e attrezzi contadini – totem sacrali, tanto che la sua opera potrebbe davvero definirsi un'ininterrotta elegia sulla civiltà contadina ormai inghiottita e dissolta dal tempo. Di Mastronardi non possiamo infine dimenticare la ricerca sulla natura morta, con esiti del tutto personali, di grande felicità tonale e compositiva.
Corrado Tagliati è, fin dagli esordi, un indagatore del paesaggio, dapprima reso con una pittura figurativa, che presto s'inoltra lungo le strade di un'astrazione formalmente rigorosa, modulata su toni e tonalismi lavorati per accordi minimi, per segni, variazioni e sfumature di colore quasi impercettibili, ma che sempre reca l'impronta di emozioni e sentimenti che si rinnovano ogni volta che l'artista getta lo sguardo sulla natura, sia essa quella ancora in gran parte incontaminata sia quella che reca i segni dell'umano intervento. Spira nei suoi dipinti, sia ad olio sia a pastello, una sensibilità estrema, con la capacità di cogliere ogni più estenuato tono, ogni impercettibile frontiera tra forma e vuoto, ogni più recondita vibrazione della luce, che ne fanno un artista di rara qualità, che ha introiettato alcune delle esperienze più alte della pittura del Novecento.
L'esposizione, realizzata con il contributo di Tetra Pak, sarà visitabile il sabato con orario 16.00-19.00 e la domenica ore 9.30-12.30 e 16.00-19.00, oppure su appuntamento (tel. 339 3420557). Ingresso libero. Catalogo disponibile in mostra con riproduzione fotografica delle opere, apparato bio-bibliografico e presentazione di Sandro Parmiggiani, curatore dell'esposizione e del volume. 

Per informazioni: tel. 0522 622238, cultura@comune.rubiera.re.it, www.comune.rubiera.re.it.

  

LE STRADE DELLA PITTURA
Carlo Calzolari, Carlo Mastronardi, Corrado Tagliati
Rubiera (Reggio Emilia), Corte Ospitale, via Fontana 2
23 settembre – 29 ottobre 2017

Orari: sabato 16.00-19.00, domenica e festivi, 9.30-12.30 e 16.00-19.00; per appuntamento: tel. 339 3420557.
Su appuntamento per gruppi: tel. 339 3420557.

Ingresso libero
Catalogo: Euro 5 in mostra

Per informazioni:
Comune di Rubiera - Ufficio Cultura
Via Emilia Est 5, Rubiera (RE)
Tel. 0522 622238
cultura@comune.rubiera.re.it
www.comune.rubiera.re.it

Sformaurbis all'Archivio di Stato di Latina per la Domenica di Carta del MiBACT_ 8 ottobre 2017



Archivio di Stato di Latina
presenta
Luca Vannozzi
Sformaurbis
Mostra di tavole illustrate originali su carta
a cura di Barbara Pavan
8-12 ottobre 2017


'In un articolo pubblicato l'anno scorso sul supplemento La Lettura del Corriere della Sera, Franco Farinelli commentava il testo della Convenzione europea del paesaggio, ratificata da non più di dieci paesi dell'Unione tra i quali, nel 2006, anche l'Italia: si abolisce il termine territorio e lo si sostituisce con paesaggio, più coerente con i tempi che cambiano. (…) 

Dire territorio significa indicare uno spazio bidimensionale inerte, organizzato (spesso rovinato) da un soggetto mobile e pensante, partendo da un assunto cartesiano che poi, a partire dalla Rivoluzione industriale, viene applicato alla superficie della Terra. Si tracciano strade rettilinee solcate sulla mappa e poi nel terreno che non si armonizzano più con le anse dei fiumi, le grandi proprietà feudali, gli arroccamenti degli abitati: i tracciati obbediscono a principi di comodità, economia e velocizzazione del traffico commerciale e colonizzano con la propria sintassi l'intero territorio europeo. 

La ferrovia, nell'Ottocento, fa il resto: elimina attriti, pendenze, dislivelli, fora montagne e taglia città e campagna, per giunta con una massicciata sopraelevata. Le autostrade del Novecento, per via dell'abnorme incremento della mobilità privata e della velocità, esaltano questo modello spaziale finché il paesaggio diventa del tutto banale, una carta topografica, una base più o meno solida (soprattutto in Italia) per tracciare percorsi, sforacchiare montagne, appoggiarci ponti, svincoli, scali e, ultimamente, trionfali oppure graziose rotatorie.(…)'

Questa la premessa da cui nasce Sformaurbis, un progetto itinerante di Luca Vannozzi costituito da una serie di opere su carta che si interrogano sul futuro del paesaggio italiano raccontandone con ironia un presente di identità incerta ed una passato di scelte discutibili.

Due anni di lavoro per completare i dodici capolavori di miniaturizzazione che compongono questa mostra e che costituiscono il nucleo intorno al quale si articolano riflessioni di diversa natura, dalla letteratura all'architettura.

Sformaurbis, che ha debuttato alla Biblioteca Nazionale di Napoli lo scorso marzo, inaugura domenica 8 ottobre 2017, dalle 10 alle 18, all'Archivio di Stato di Latina, via dei Piceni 24, inserito nell'evento nazionale la 'Domenica di Carta' promosso dal MiBACT, per il quale è stato predisposto un percorso documentario dal titolo "A le triste e oziose acque". 

Il tema che lega le due iniziative è il paesaggio e tutte le iniziative finalizzate alla divulgazione di una cultura del paesaggio stesso nel rispetto del dettato dell'art. 9 della Costituzione e del Codice dei beni culturali. L'Agro pontino è un laboratorio, con un'evoluzione millenaria, una storia di successi e sconfitte che nel dicembre del 1932 sembrava essersi tradotta in "realtà vivente". 

In questo luogo fatto di città e borghi sorti dal nulla, si incrociano tante storie, un crocevia di genti ed etnie fino al secondo dopoguerra, un sistema di urbanizzazione forzata che si legge nelle mappe, memoriali, fotografie e carteggi, alcuni dei quali selezionati ed esposti nel percorso realizzato dal direttore dell'Archivio di Stato di Latina e dai suoi collaboratori.

La mostra Sformaurbis, a cura di Barbara Pavan, rimarrà aperta al pubblico fino al 20 ottobre 2017, dal lunedì al venerdì (9:30-18). Testi in catalogo di Luca Arnaudo e Maria Cristina Storini.

SCHEDA TECNICA
Titolo                                   Sformaurbis
Artista                                Luca Vannozzi
Curatore                             Barbara Pavan
Testi in catalogo              Dr.Luca Arnaudo e Prof. Monica Cristina Storini
Sede espositiva               Archivio di Stato di Latina
                                               Via dei Piceni, 24 – 04100 Latina
Date                                     8-20 ottobre 2017
Inaugurazione                  domenica 8 ottobre 2017 ore 10-18*
Orari                                     lunedì-venerdì 9:30-18*
Ingresso libero.
Info                                       tel. 0773 610930
http://www.archiviodistatolatina.beniculturali.it
e-mail as-lt@beniculturali.it



*E' possibile visitare anche il percorso documentario "A le triste e oziose acque", con il medesimo orario.

Mostra personale di Clinton Whiting allo SpazioELLE di Castel Gandolfo



Clinton Whiting
Abiding Embrace / Indissolubile Abbraccio
 A cura di Domenico Cornacchione
 22 settembre – 20 ottobre 2017
 SpazioELLE – centro di ricerca e sperimentazione artistica
Castel Gandolfo – Via del Mare 138

"Abiding Embrace / Indissolubile Abbraccio" è la prima mostra dello SpazioELLE unicamente dedicata alla pittura, ed è anche la prima riservata all'arte figurativa. Con questa esposizione vogliamo dimostrare che il figurativo non appartiene solo al passato. C'è la convinzione, soprattutto in Italia, che l'arte contemporanea debba essere necessariamente "astratta". 

Per fortuna non è (sempre) così. Lo dimostra Clinton Whiting, artista statunitense che, ispirandosi al sarcofago etrusco di Arnth Tetnies e Ramtha Vishnai, conservato nel Museum of Fine Arts di Boston, ha realizzato, per questa esposizione, una serie di dipinti in cui la figura umana è il soggetto principale, talmente importante che predomina su tutto, a tal punto da essere l'unico soggetto dipinto. 

Clinton, dopo la laurea in belle arti conseguita presso l'Università dello Utah, ha trascorso un periodo di studio in Italia approfondendo la conoscenza dell'arte etrusca che lo ha influenzato per la realizzazione di questa nuova serie di dipinti. 

Le sue figure si muovono in una dimensione diversa dalla nostra. 

Lo sfondo scompare e al suo posto appaiono campiture colorate che creano un senso di spaesamento. In questo caso l'artista, ispirato dalla teologia mormone, analizza il potente e inscindibile legame di una coppia che si prolunga anche dopo la morte manifestandosi attraverso un indissolubile abbraccio. 

A Milano la collettiva d'arte "Touch – Arte contemporanea tra realtà ed illusione". Dal 22 al 30 settembre presso 809 Art Gallery




Sarà presentata venerdì 22 Settembre alle ore 18.30 presso la 809Art Gallery di Milano la collettiva d’arte “Touch – Arte contemporanea tra realtà ed illusione” a cura di Francesca Callipari che vedrà la partecipazione di vari artisti contemporanei, offrendo una panoramica generale dal ritratto all’iperrealismo a composizioni più surrealiste.

Rosanna Anelli - Dubbio
Descrizione: Tra le diverse tematiche predominanti nella storia dell’arte la realtà e la sua rappresentazione più o meno fedele hanno avuto un’importanza notevole, contraddistinguendo diverse epoche e movimenti. E’ cosi che tendenze come quella attestatasi negli anni ’70, volta a riprodurre in maniera minuziosa e con una perfezione quasi maniacale la realtà, hanno condotto ad un genere quale l’Iperrealismo, per esempio, ancora oggi largamente diffuso. L’artista d’altro canto ha sempre imitato la natura, magari reinterpretandola, impadronendosi del contesto, modificandolo in base alla propria sensibilità, restituendo la realtà a tal punto da ingannare la mente dell’osservatore o costruendo mondi paralleli, fiabeschi, surreali. In entrambi i casi l’arte ha avuto e continua ad avere la possibilità di manifestarsi in tutto il suo potere, attraendo lo spettatore e attivando un gioco di emozioni; un silenzioso dialogo tra l’opera e l’osservatore nel quale quest’ultimo si sente talmente disorientato da volere toccare con mano le realtà che gli vengono palesate.

La 809 Art Gallery, situata in zona centrale a Milano in via Bergamo, forte di un’eredità che sconfina dall’800 alle ultime avanguardie del ‘900 si avvicina all’espressione contemporanea, studiandola e comprendendola con la stessa passione rivolta all’Arte del passato. Il progetto di questa galleria prevede di fissare un punto di equilibrio tra espressione artistica del passato, consolidata dal passato ed espressione artistica presente. 
Majla Chindamo - L'infanzia rubata

Simone Galimberti - Dolce abbraccio

Esporranno i seguenti artisti:

GRAZIANO COSSU - CIRO DI FIORE - GIORGIA HARAN - ROSANNA ANELLI - SILVANA LANZA - ADRIANO FUSCA' - ANTONIETTA MENEGHINI - VINCENZA COTUGNO - SIMONE GALIMBERTI - LORENZO FELICANI - MAJLA CHINDAMO - DANIA MINOTTI


Brera Design Days | MOSTRO GRAPHIC DESIGN CAMP - PRIMA EDIZIONE | Laboratorio Formentini e Tim Space | 6-12 ottobre 2017 Milano


Image
 
MOSTRO
GRAPHIC DESIGN CAMP MILANO

PRIMA EDIZIONE
6 - 12 OTTOBRE 2017
Brera Design Days

LABORATORIO FORMENTINI - TIM SPACE
 
Inaugurazione 6 ottobre 2017 dalle ore 21 - Lab Formentini
 
MOSTRO - GRAPHIC DESIGN CAMP è un evento dedicato alle arti grafiche e alla comunicazione visiva che si svolgerà a Milano nell'ambito della seconda edizione dei Brera Design Days.
 
Dal 6 al 12 ottobre 2017 una serie di incontri, workshop ed esposizionianimeranno due location d’eccezione - Laboratorio Formentini e TIM Space – con l’obiettivo di ‘mettere in mostra’ il mondo professionale del graphic design e di offrire una panoramica internazionale delle arti grafiche oggi.
 
Curato da Marco Sammicheli, coordinato da Maria A. Di Pierro e con l’art direction di Zup Design, MOSTRO si avvale della collaborazione del Laboratorio Formentini per l'editoria, di Arjowiggings Creative Papers, di Grafiche Paciotti e di VISCOM ITALIA - la Mostra Convegno Internazionale di Comunicazione Visiva che prenderà il via il 12 ottobre, fil rouge ideale che lega il fuorisalone cittadino alla fiera.
 
mostrare v. tr. [lat. monstrare, der. di monstrum: v. mostro2] (io móstro, ecc.). – 1. a. Far vedere, presentare ad altri perché veda, esamini, osservi.
 
móstro2 (ant. mònstro) s. m. [lat. monstrum «prodigio, portento», dal tema di monere «avvisare, ammonire»]. – 1. a. Essere che si presenta con caratteristiche estranee al consueto ordine naturale e come tale induce stupore e paura […] 2. In senso fig.: b. Seguito da una specificazione, persona che possiede certe qualità, positive o negative, in misura straordinaria, molto superiore al normale.
 
MOSTRO nel significato etimologico del termine è sinonimo di prodigio, portento, ma nel linguaggio comune rappresenta spesso un essere deforme, non per forza cattivo, che incute timore e meraviglia insieme. Il cosiddetto fenomeno da baraccone, ruolo cardine in ogni circo ‘paesano’ che si rispetti e anche protagonista di tutta l’immagine coordinata del festival che si ispira appunto all’iconografia circense.
 
MOSTRO - GRAPHIC DESIGN CAMP racchiude in sé entrambi questi aspetti, e racconta, in tutte le sue sfaccettature, il mondo delle arti grafiche e della comunicazione visiva: la disciplina “funzionale” alle altre forme di design, quella che più sfugge alle definizioni, poiché coinvolge competenze molto trasversali, dove i punti di vista cambiano continuamente.
 
Nella società dell’immagine, anch’essa fluida e mutevole per sua natura, le arti grafiche sono lo strumento imprescindibile per dare forma ed espressione a tutto ciò che si vuole comunicare, al mondo dell’informazione. Siano prodotti, eventi, imprese si è alla costante ricerca del volto, del font, della cover, del colore, della forma e delle sembianze adatte strategicamente per “mostrare” la propria immagine e descriverne i contenuti.
 
MOSTRO - GRAPHIC DESIGN CAMP vuole dare voce a professionisti del settore e rappresentare scuole di pensiero e approcci professionali diversi e innovativi, coinvolgendo vari settori dall'editoria, ai musei e al commercio, fino all'urbanistica e alla pubblicità. 
 
Il Laboratorio Formentini per l'editoria, struttura nel cuore di Brera dedicata ai mestieri dell'editoria, è il fulcro della manifestazione attorno a cui ruoteranno i principali eventi. Ospiterà infatti la mostra collettiva Manifesto in cui esporranno gli studi Sarp Sozdinler (Istanbul) – con una selezione di manifesti e poster, Maltatypes (La Valletta) - con la loro mappatura dei font storici della capitale maltese, Onka Allmayer-Beck(Vienna) - presentando alcune declinazioni della sue note illustrazioni, Zaven (Venezia) raccontando il progetto per la fondazione d'arte russa VAC, e Undesign (Torino) – esponendo il libro che passa in rassegna i primi dieci anni di attività dello studio.
 
In programma l’11 ottobre dalle 16 alle 18 anche il workshop Quadentro, curato da Emilio Lonardo in collaborazione con Arjowiggings-divisione arti creative. Il workshop intende dimostrare quella che può sembrare una semplice banalità invece importante: nonostante l’avanzare della tecnologia utilizziamo ancora notebook analogici per annotare i nostri pensieri, ricordi, gli impegni professionali. Quadentro è un luogo dove conservare tutte queste cose, personali e personalizzate, e dove tutto si crea e si trasforma. Il workshop consisterà nella realizzazione del proprio Quadentro personale scegliendo tra copertine, fili, carte interne.
 
Una serie di talk serali, dal 7 al 12 ottobre, accompagneranno il festival per approfondire le storie professionali dei protagonisti invitati e per condividere esperienze di attività analoghe o vicine a MOSTRO, come POST, il festival di grafica di Copenaghen grazie alla testimonianza del suo direttore Peter Folkmar, e VISCOM, fiera dedicata ai mestieri e agli strumenti della comunicazione visiva.
Infine altri due appuntamenti pomeridiani animeranno il TIM Space di piazza Einaudi 8 (MM2 Gioia).

 
www.mostro.design
#mostromilano
 

 
Image
 
Image
 
Image
 
 
Image

Marzio Tamer l’artista che ha conquistato Salvatores. In mostra a Milano dal 5 ottobre



Marzio Tamer, l'artista che ha conquistato anche il regista Premio Oscar Gabriele Salvatores. 
In mostra a Milano dal 5 ottobre



Oltre 60 capolavori dell'artista saranno in esposizione dal 5 ottobre 2017 al 7 gennaio 2018 al Museo Civico di Storia Naturale di Milano.
Protagonista nella scena internazionale dell'arte figurativa, Marzio Tamer espone per la prima volta in un'istituzione pubblica lombarda, con la più vasta mostra personale mai allestita sulla sua opera. 

Un'occasione imperdibile per ammirare gli stupefacenti acquerelli, tempere e olii dell'artista che ammalia per la poesia e l'originalità con cui interpreta animali e paesaggi.

Proiezione in mostra del documentario The Promise, realizzato dal regista Premio Oscar Gabriele Salvatores, commissionatogli da Almo Nature, promotrice sia della mostra sia della campagna di salvaguardia del lupo.

Intervista a Marzio Tamer:
https://www.youtube.com/watch?v=NAZLlO-hwrE

Conferenza stampa
mercoledì 4 ottobre ore 12:00 presso il Museo di Storia Naturale di Milano.

Inaugurazione
mercoledì 4 ottobre ore 18:30 in presenza dell'Assessore alla Cultura di Milano, Filippo del Corno.


Il 21 settembre al Grande Museo del Duomo di Milano inaugurazione della mostra internazionale "LIMITI-CONFINI" e del 5° premio CRAMUM

 

Il 21 settembre al Grande Museo del Duomo di Milano inaugura la mostra internazionale "LIMITI-CONFINI" che ospita la 5° edizione del Premio CRAMUM

Curata da Sabino Maria Frassà
Artisti in mostra e fuori concorso e in mostra: Magdalena Abakanowicz, Zolt Asta, Ivan Barlafante, Carlo Benvenuto, Laura de Santillana, Matteo Fato, Daniele Fissore, Ivan Grubanov, H.H. Lim, Franco Mazzucchelli, Francesca Piovesan, Daniele Salvalai.
Artisti in mostra e finalisti del 5° premio cramum: Alessio Barchitta, Alessandro Boezio, Francesco Casolari, Andrea Fiorino, Marco La Rocca, Giulia Manfredi, Dario Picariello, Pamela Pintus, Diego Randazzo, Sally Viganò.


21 settembre - inaugurazione. Ingresso libero dalle 18:00 alle 20:00 (ingresso in via eccezionale da Via Pecorari 2).
Dal 22 settembre al 3 ottobre, 10:00 - 18:00. Chiuso il mercoledì. Ingresso da Piazza del Duomo, mostra inclusa nel percorso espositivo del Grande Museo del Duomo di Milano (biglietto euro 3,00).
CRAMUM, con il patrocinio e in collaborazione di Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano, Fondazione Cure Onlus, Comune di Milano, Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano, Accademia Polacca di Roma, Consolato di Polonia a Milano, Consolato di Ungheria a Milano, Consolato di Serbia a Milano, Ludwig Muzeum, Istituto Balassi di Roma, Studio Museo Francesco Messina, inaugura il 21 settembre 2017 alle 18:00 al Grande Museo del Duomo la mostra internazionale LIMITI-CONFINI, curata da Sabino Maria FrassàLa mostra accoglie al proprio interno anche il 5° premio CRAMUM per giovani artisti in Italia.

Il curatore e direttore del Premio, Sabino Maria Frassà, introduce così la mostra "LIMITI-CONFINI": "Siamo tutti comparse e pubblico allo stesso tempo: nessuno è detentore della Conoscenza. Qualsiasi opera dell’intelletto (sia essa una poesia, una canzone, un’opera d’arte, un film) vivrà al di fuori e al di là del tempo e del pensiero "originale" che l’ha generata. E' fondamentale perciò recuperare un reale rispetto per l'intelligenza del “pubblico”,  rinunciando a qualsiasi aspirazione messianica: l’arte e la cultura non devono mostrare ciò che è al di là del "confine", non devono fornire risposte addomesticate, ma devono educare a farsi domande e a riflettere prima di rispondere per andare veramente oltre i limiti propri e del proprio tempo. Spero che questa mostra emozioni, facendo affiorare dubbi e non certezze."

La mostra è ospitata dal Grande Museo del Duomo di Milano all’interno della Chiesa di San Gottardo in Corte, nota nella tradizione della città appunto come “chiesa degli artisti”, ospita 26 opere di 22 artisti provenienti da tutto il mondo, tra cui 12 realizzate da artisti di fama internazionale: Magdalena Abakanowicz (Polonia), Zsolt Asztalos (Ungheria), Ivan Barlafante, Carlo Benvenuto, Laura de Santillana, Matteo Fato, Daniele Fissore, Ivan Grubanov (Serbia), H.H. Lim (Cina), Franco Mazzucchelli, Francesca Piovesan, Daniele Salvalai.

Al loro fianco, le opere dei dieci finalisti della quinta edizione del premio CRAMUM: Alessio Barchitta, Alessandro Boezio, Andrea Fiorino, Francesco Casolari, Marco La Rocca, Giulia Manfredi, Dario Picariello, Pamela Pintus, Diego Randazzo, Sally Viganò.

Il giorno dell’inaugurazione sarà nominato il vincitore del premio cramum da parte del comitato scientifico composto da giornalisti, curatori, critici, collezionisti, intellettuali: Matteo Bergamini, Ettore Buganza, Leonardo Capano, Giovanna Calvenzi, Julia Fabenyi, Maria Fratelli, Giuseppe Iannaccone, Rose Ghezzi, Angela Madesani, Michela Moro, Iolanda Ratti, Alba Solaro, Alberto Puricelli, Carlotta Gaia Tosoni, Nicla Vassallo, Giorgio Zanchetti.

Il vincitore vince un percorso di crescita professionale e artistica di due anni che culmina con una mostra personale presso lo Studio Museo Francesco Messina. Al vincitore sarà donato anche un cubo di marmo di Candoglia, simbolo del Premio e realizzato dalla Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano.

Immagini (in ordine di comparsa):
Daniele Fissore, Opposizioni 1973
H.H Lim, Nort-West South East, 2017
Daniele Salvalai, AT-TRAV-ERSO, 2017
Carlo Benvenuto, Senza titolo, 2017 (dettaglio)
Franco Mazzucchelli, Il muro, 2017





con il patrocinio di
CRAMUM è una parola latina che significa “crema”, “la parte migliore”. CRAMUM è un progetto non profit che sostiene iniziative artistiche e culturali in Italia e all’estero, con particolare attenzione ai giovani artisti. Progetto principale di cramum dal 2012 è il Premio cramum, nato per essere un talent-program per i migliori giovani artisti in Italia. Ogni anno il premio mette al fianco dei giovani artisti finalisti artisti di fama internazionale, intellettuali, curatori, collezionisti e giornalisti. Dal 2014 Sabino Maria Frassà è il Direttore Artistico.
Le precedenti edizioni del Premio sono state vinte da: Daniele Salvalai, Paolo Peroni, Francesca Piovesan (oggi in mostra al Museo Francesco Messina con la personale "NOI") e Matteo Fato (oggi in mostra alla Galleria Michela Rizzo "Somersault")
Per informazioni: 334.1539578 infocramum@gmail.com
Google
 

Ultime dai news-blog del CorrieredelWeb.it

Lettori fissi

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI